Telefono blu per l’autismo – resoconto annuale

telefonoblu_

Si chiama Telefono Blu per l’autismo il servizio gratuito di assistenza telefonica e via email, destinato a coloro che cercano informazioni e sostegno sulla tematica dell’autismo. Si tratta del primo progetto finanziato da FIA attraverso la campagna #sfidAutismo2016.

Come si accede al servizio?

Il numero 800 031819 è attivo tutte le mattine nei giorni feriali dalle ore 9.30 alle ore 13 e risponde all’indirizzo di posta elettronica telefonobluautismo@gmail.com

 

telefono blu autismo

Resoconto annuale

Il Telefono Blu Autismo è nato per sostenere le famiglie di soggetti autistici ed indirizzare operatori ed insegnanti verso una maggior consapevolezza nei confronti di questo disturbo complesso.

Perchè chiamare il Telefono Blu

Qui di seguito alcune delle motivazioni principali delle chiamate:

Conoscere le strutture specializzate in grado di rispondere ai bisogni di sostegno delle persone con autismo.

Avere i contatti di medici specializzati in autismo e centri adeguati ad ottenere la diagnosi il prima possibile o altri approfondimenti diagnostici.

Diritti esigibili

Le questioni burocratiche in generale sono un punto critico, perchè è difficile anche solo orientarsi per fare richieste di ordinaria amministrazione come:

  • chiedere l’assegno di accompagnamento al posto di quello di frequenza alla luce di una nuova diagnosi
  • a chi rivolgersi per far aggiornare la diagnosi per un ragazzo maggiorenne
  • come ottenere il pass per l’auto e il permesso di parcheggio riservato alle persone con disabilità autistica che non sia anche motoria
  • a chi rivolgersi per far visitare il ragazzo da un centro non di appartenenza della Azienda Sanitaria di residenza, possibilità consentita dalle norme vigenti in Italia e che rappresenta la garanzia del diritto di scelta

Terapie abilitative

Molti famigliari richiedono di avere informazioni sulle terapie comportamentali e su come trovare gli operatori e le agenzie che forniscono il servizio, sulle modalità di coperture dei costi che sono diverse nelle differenti regioni.

Ascolto e confronto

Frequentemente chiamano il Telefono Blu persone che hanno solo bisogno di essere ascoltate e sostenute attraverso un confronto diretto con chi ha un’analoga situazione in famiglia.

I genitori si sentono soli e abbandonati: il Telefono Blu offre un supporto importante indicando le forme associative di genitori e parenti di persone con autismo come quelle federate nell’Angsa onlus, unica federazione specifica, presente in tutto il Paese dal 1985.

C’è ancora reticenza e disinformazione

Chi chiama il Telefono Blu talvolta non è un genitore del soggetto autistico ma parente, o una persona vicina ad essa.

Questo può far pensare che vi sia una certa reticenza (paura) da parte di alcuni genitori ad accettare l’idea di una diagnosi cosi impegnativa e quindi a chiamare un numero specifico sull’autismo come appunto il Telefono Blu.

La ricerca di informazione

Dal 2016 ad oggi numerose sono state le chiamate di persone che cercavano materiale didattico o divulgativo sull’argomento autismo scientificamente validato.

Per questo motivo si dispone di una bibliografia e di una sitografia controllata da esperti che costituiscono il Comitato scientifico dell’Angsa.

Sono ancora tantissimi i genitori che raccolgono informazioni dal Web senza verificare la serietà scientifica della fonte e che possono affidarsi ad operatori non qualificati rimandando nel tempo l’avvio a percorsi abilitativi basati sulle evidenze.

Infine molti familiari chiamano per avere informazioni sul network nazionale ANGSA (Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici) e sulle sue sedi regionali.

Chi parla di Telefono blu

Clicca per accedere alla rassegna stampa