6 progetti per sfidare l’autismo

 

comitato scientifico Fondazione Italiana Autismo

I Comitati scientifici FIA (Comitato per la ricerca scientifica e il Comitato per la ricerca metodologico-didattica e per l’innovazione nel campo dell’inclusione scolastica) hanno approvato 6 progetti oggetto di finanziamento per l’anno 2016. E’ anche in fase di avvio la campagna #sfidAutismo di sensibilizzazione e raccolta fondi prevista per la settimana del 28 marzo – 2 aprile durante la quale FIA chiederà il sostegno da parte di singoli cittadini e aziende.

I progetti in oggetto sono i seguenti:

1. Telefono BLU
una linea telefonica per orientare i famigliari delle persone con autismo

2. Autismo e ricerca scientifica
creazione di un network Italiano per il riconoscimento precoce dei Disturbi dello Spettro Autistico: metodi non invasivi per la sorveglianza di popolazioni a rischio.

3. Registro pilota di patologia per l’autismo
uno strumento essenziale per raccogliere dati su base nazionale e poter, tra l’altro, valutare l’impatto che patologie complesse quali l’autismo hanno sul sistema sanitario e sociosanitario.

4. Centro di alti studi sull’autismo
Un luogo in cui sviluppare indicazioni operative per la prassi didattica e contribuire al miglioramento della qualità dell’inclusione scolastica, a vantaggio di tutti gli alunni.

5. Prevalenza e Fenomenologia dei disturbi Psichiatrici nei disturbi dello spettro Autistico (PFPA).
Uno studio per evidenziare i disturbi psichiatrici nelle persone con ‪#‎autismo‬ fra i 14 e i 65 anni.
Un’indagine essenziale per capire ed interpretare i comportamenti problema spesso considerati erroneamente disturbo psichiatrico e trattati con farmaci.

6. Buone prassi per la formazione professionale e l’inclusione lavorativa della Cooperativa Chicco Cotto.
Per realizzare progetti di formazione professionale per le persone autistiche e di inclusione lavorativa reale, concreta e già attiva in alcune città.

La Fondazione ha in progetto di destinare:

  • almeno il 20% dei fondi disponibili del bilancio annuale a programmi di ricerca;
  • almeno del 20% dei fondi disponibili del bilancio annuale, a programmi di utilità sociale;
  • almeno del 20% dei fondi disponibili del bilancio annuale, a programmi destinati a migliorare la qualità dell’inclusione scolastica, con particolare riguardo all’innovazione metodologica e alla formazione del personale della scuola, della sanità, dei servizi sociali.

10 marzo 2016